Proprietà dei cereali

Notizie e proprietà dei cereali

I cereali sono piante appartenenti alla famiglia delle graminacee coltivate per ricavarne chicchi e semi. Sono raccolti in grandissime quantità e in molti paesi in via di sviluppo rappresentano l’alimento principale nella dieta della popolazione umana.
Il nome cereale deriva da Cerere, “colei che ha in sé il principio della crescita”, dea romana del raccolto e dell’agricoltura. Ma vediamo più in dettaglio le proprietà di due tra i cereali più antichi: farro ed orzo .

Il farro Per secoli è stato l’alimento base degli antichi romani, usato anche come merce di scambio, nel rituale del matrimonio e in alcune cerimonie religiose.
Il farro è senza dubbio il cereale in chicchi più indicato per la sua versatilità, la facilità di cottura, il gusto e le caratteristiche nutrizionali. Il farro contiene il 15% di proteine ed è quindi adatto per essere combinato con i legumi per ottenere piatti unici non troppo calorici. Il farro è infatti il cereale meno calorico in assoluto (335 calorie per 100 g).
Da alcuni anni il farro è consigliato nelle diete dimagranti per l’alto contenuto di fibre che permettono di rallentare la fame, frenando lo svuotamento dello stomaco e consentendo quindi un certo controllo dell’appetito, regolarizzano inoltre il transito intestinale, aiutando a vuotare l’intestino.
Il farro ha un effetto positivo sulle malattie metaboliche come il diabete e l’ipercolesterolemia, contiene calcio, importante nei primi anni di vita e in età più avanzata per prevenire l’osteoporosi. Può essere usato in grani interi come il riso, in zuppa, per i minestroni, per piatti freddi a insalata o tritato tipo polenta per polpette oppure sempre nei minestroni.

L’orzo è una pianta erbacea annuale simile al frumento, conosciuta fin dall’età della pietra e coltivata presso Egizi, Greci e Romani. Forse fu proprio il primo cereale trasformato in pane, di tipo azzimo.
E’ indicato per tutti ed in qualunque età, ma particolarmente per gli anziani ed i bambini per le proprietà rimineralizzanti. Ha infatti una discreta presenza di minerali tra cui citiamo il ferro, il potassio, il magnesio, lo zinco, il calcio, il sodio ed il fosforo. Sul fronte delle vitamine è presente la vitamina A, molte del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6 ) e, in minima percentuale, la vitamina E. Come il farro l’orzo ha un notevole contenuto di fibre solubili , ed è quindi un ottimo regolatore intestinale: rallenta lo svuotamento gastrico, aumentando la velocità di transito a livello intestinale, e agisce positivamente su colesterolemia e sull’assorbimento del glucosio.
L’ orzo si gonfia moltissimo durante la cottura: questa caratteristica consente di preparare zuppe e minestre molto sazianti e adatte a diete ipocaloriche. E’ un buon antiinfiammatorio: agisce sul sistema immunitario grazie alla sua abilità nel contrastare le infiammazioni. Il decotto utilizzato sotto forma di gargarismi aiuta nei casi di angina e di infiammazioni della cavità orale. Ha virtù emollienti: lenisce le infiammazioni dell’apparato digerente (turbe pancreatiche e biliari) e di quello urinario e nei processi infettivi a carico della mucosa intestinale, molto indicato quindi in caso di gastriti, coliti e cistiti.



.

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando a navigare, accetti il nostro uso dei cookie. Leggi i dettagli

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

cheap custom essaycheap custom essay